/>
CB CONSULTING – Il tuo Dealer ufficiale

Nissan Juke Tekna 1.5 Dci 110 cv – 9.500 € Net price – Aziendali Usato 2017

Nissan Juke 1.5 dci Acenta

Nissan Juke Tekna 1.5 Dci 110 cv – 9.500 € Net price – Aziendali Usato 2017

 

La nostra offerta per le Nissan Juke Tekna 1.5 Dci 110 cv – 9.500 € Net price – Aziendali Usato 2017 è dedicata a Commercianti Auto e rivenditori ufficiali sul tutto il territorio Europeo.

Lotto completo: 6 Veicoli
Colori : Bianco-Nero-Argento- Rosso
Anno : 2017
Media km : 6700
Media danni : 409,02 €
Prezzo: 9.500,00 netto
Aziendali Nissan France

Optional allestimento Tekna:
Pelle Totale – Tetto Panoramico – Navigazione – Telecamera 360°,
+ ABS, EBD, TCS, ESP, airbag multipli, servosterzo, climatizzatore, alzacristalli elettrici con anteriore e posteriore, computer di viaggio, impianto audio con CD MP3, quattro altoparlanti ,controllo e limitatore di velocità, controllo automatico del clima, leve interne in cromo, cerchi in lega da 17 pollici “Sport”, fendinebbia,, bluetooth, porta USB, sistema di controllo dinamico Nissan e maniglie in tinta-Sensori di parcheggio

La Nissan Juke sulle strade delle Alpi svizzere

Nissan Juke 1.5 dCi N-Connecta – Passano gli anni, ma la prima volta non si scorda mai. La Juke è un piccolo SUV che ha infatti inaugurato un segmento, che con gli anni è poi andato via via ad attrarre tutti i principali concorrenti. Con qualche ritocco un paio di anni fa, lei resta sempre unica nel suo stile, che tutt’ora piace molto, lo dimostrano oltre 1 milione di esemplari venduti nella sua carriera.

portandola al mare, ora che andiamo verso l’estate ce la siamo portata tra le Alpi svizzere, perché ci piace andare controtendenza forse… Location a parte, l’occasione è stata utile per toccare con mano la quarta opzione che Nissan rende disponibile per la Juke, arricchendola rispetto alla Acenta di optional legati soprattutto alla tecnologia, non a caso il nuovo allestimento prende il nome N-Connecta.

Design e Interni:

Unica ed inconfondibile, con tante possibili personalizzazioni

Nissan è senza dubbio il Brand più legato ai SUV “non più SUV”, o Crossover che dir si voglia. Ha introdotto per prima una segmento C di questo tipo nel 2007, la fortunatissima Qashqai, una delle vetture più vendute al mondo in questi ultimi dieci anni, facendola seguire dalla sorella minore, la Juke appunto, nel 2010. Le due vetture però, pur essendo della stessa Casa, non si assomigliano proprio per nulla. Molto sobria la segmento C, ben più originale e “giocosa” la segmento B. Questo è proprio uno dei suoi segreti. Sulle auto piccole la sobrietà è una esigenza meno sentita, proprio perché anche un adulto non giovanissimo si sente più libero di osare quando sceglie una “piccola”. Ha stupito al suo debutto con linee poco convenzionali, continua a farlo anche in un panorama dove le concorrenti sono sempre di più. Il suo approccio è diverso, perché se altre mostrano i muscoli con linee altrettanto scolpite e marcatamente sportive, lei resta unica per il suo piglio più irriverente, messo ulteriormente in mostra nell’esemplare da noi provato, con dettagli bianchi a contrasto di una carrozzeria scura.

 

Non sembra sentire gli anni, che iniziano ad essere un buon numero, anche se alcuni dettagli, come i fari alogeni che via via stanno scomparendo a favore di quelli a LED anche su vetture di questa fascia, ci ricordano che lei ha si subito un piccolo restyling, ma è sostanzialmente identica a se stessa dal 2010. Proprio i gruppi ottici sono stati modificati in occasione del facelift e sono ora dotati di luci diurne a LED. I cerchi in lega da ben 18” e con inserti bianchi (fanno parte di un pacchetto opzionale per gli esterni), la rendono ancora più sportiva ed accattivante. Si tratta di una delle tante opzioni con cui ci si può divertire a configurare la propria Juke, donandole un aspetto più o meno serioso, con una connotazione più sportiva o elegante. Ad esempio l’esemplare che avevamo provato in precedenza sembra un’altra auto rispetto a questa, grazie a quel giallo che sfoggiava, con un bel contrasto con i dettagli neri. Una tinta che in poche altre si possono permettere, a meno di essere una supercar, ad ulteriore conferma che il suo look ben si presta a diverse interpretazioni.

Interni: Buona qualità e tante personalizzazioni anche qui

La capacità della Juke di cambiare a seconda della configurazione scelta, è confermata e forse ancora più evidente, quando si sale a bordo. Se volete potete divertirvi e constatare che sembrano quasi due vetture diverse. A parte i dettagli in plastica verniciata, che possono essere in tinta con la carrozzeria o meno, anche le scelte di materiali e finiture ne modificano l’aspetto. Resta invariata la sensazione di qualità percepita, buona, mentre l’ergonomia è promossa a pieni voti, così come il comfort dei sedili. L’unico difetto è l’assenza della possibilità di regolare il volante in profondità, dato che si muove solo sull’asse verticale. Rispetto alle dimensioni esterne, con una lunghezza di solo 414 cm, la Juke ha una abitabilità interna buona, anche nella parte posteriore, dove due persone viaggiano comode, un po’ meno l’eventuale quinto. Ricordiamo poi che con l’ultimo aggiornamento la Juke ha guadagnato spazio nel baule (addirittura +40%) grazie alle modifiche apportate, raggiungendo 354 litri di capacità complessiva per i bagagli (nelle versioni come questa a 2WD). Salgono a 1.189 abbattendo i sedili, con il fondo del baule che forma un unico piano con quello degli schienali abbassati. Fondo che però nasconde uno porzione del bagagliaio, che può essere tenuta separata per stivare oggetti senza che si muovano troppo, oppure abbassandolo al gradino inferiore si può avere tutta la capacità a disposizione. In questo allestimento N-Connecta, la Juke offre di serie anche NissanConnect 2.0 con touchscreen a colori da 5,8 pollici, oltre alla possibilità di colloquiare con il proprio smartphone.

Comportamento su Strada:

La sportività mostrata fuori la possiamo ritrovare anche alla guida

Il piccolo crossover non è affatto male da guidare e non ci riferiamo solo al suo habitat più scontato, la città. Qui le sue dimensioni compatte, con 414 cm di lunghezza per 176 di larghezza ne fanno un mezzo perfetto per parcheggiare e per districarsi negli spazi stretti, mentre l’assetto rialzato rende più piacevole la marcia in presenza di imperfezioni dell’asfalto. Noi però abbiamo percorso un bel po’ di strada in sua compagnia, gran parte della quale su strade extraurbane, fino ad arrivare tra le alpi svizzere. Qui sono arrivate le sorprese. In passato di chilometri ne avevamo già percorsi parecchi a bordo di una Juke, trovandola comoda per essere una piccola segmento B, con qualche piccolo appunto solo alla silenziosità, non delle migliori. Quando il percorso si fa interessante e ti aspetti di rimpiangere di essere a bordo di un crossover invece che di una vettura sportiva, lei ti riesce a smentire. Il rollio c’è, ma non è esagerato, la potenza del motore (110 cavalli non sono tanti, ma muovono bene la Juke e lo vedremo in seguito) si riesce a sfruttare al meglio e la precisione dello sterzo va ben oltre alle attese. Frena bene, non è mai in difficoltà ed asseconda le velleità di divertirsi senza incertezza alcuna. Dopo aver passato “l’esame Serravalle” supera a pieni voti anche quello del Passo del Malojaquindi, anche questa volta almeno in parte per merito delle gomme opzionali, delle generose 225/45 R18. Questa volta non abbiamo verificato le sue capacità fuoristradistiche. Anche se la sola trazione anteriore non ne fa certo una vettura da off road, i ben 18 cm di luce da terra sono un dato che da solo mette al riparo da problemi quando si debba percorrere una strada bianca o un tratto non asfaltato imprevisto. Alla guida della Nissan Juke N-Connecta, allestimento proposto ad un prezzo superiore di 1.450 euro rispetto all’Acenta, sostanzialmente a metà strada con il top di gamma Tekna, abbiamo potuto apprezzare una dotazione di serie molto ricca, che include il sistema NissanConnect 2.0, la retrocamera, l’Intelligent key, gli specchietti ripiegabili e riscaldabilielettricamente, il sensore crepuscolare per le luci e quello della pioggia per i tergi, oltre a nuove personalizzazioni nell’abitacolo.

Motore e Prestazioni:

Il dCi 1.5 si conferma ottimo, abbinato alla Juke conferma anche però un po’di rumorosità

Questo propulsore lo troviamo su un numero di modelli e marchi davvero elevato, da Nissan a Renault, passando per Infiniti, il Brand premium del gruppo, oppure quello low cost Dacia, ma anche su auto Mercedes, che in virtù di un accordo commerciale lo monta sulla Classe A e sulle sue derivate declinazioni. Sarebbe troppo lungo elencare tutti i modelli che prevedono l’abbinamento al dCi 1.5. Il motivo di tanto successo è da ricercare nelle sue peculiarità, che lo rendono uno dei migliori. Partendo dai consumi, davvero molto contenuti, ma anche e soprattutto dalla sua capacità di nascondere un valore di cilindrata così ridotto. In molti potrebbero pensare ad un valore prossimo ai due litri, tanto spinge bene e fin dai bassi regimi. La coppia è di ben 260 Nm, non pochi per un 1.5 litri, dei quali l’80% è erogata già a 1.500 giri. Così in città la reazione all’acceleratore è vivace sempre (mentre spesso su altre auto sotto il regime di coppia massima la spinta manca completamente), mentre quando si viaggia il cambio a sei marce può essere utilizzato molto poco, alla luce di tutta questa elasticità. Cambio che ci è piaciuto, con una leva corta ed innesti precisi, ben contrastati, abbinato ad una frizione leggera sotto al piede sinistro. I 110 cavalli con una erogazione così ben distribuita finiscono per sembrare di più e, non a caso, le prestazioni sono più che discrete, con uno 0-100 percorso in 11,2 secondi e 175 Km/h di velocità massima. Al fine di contenere emissioni e consumi troviamo lo Start&Stop, che riaccende il motore in appena mezzo secondo, e la funzione Eco che rende l’erogazione più fluida e limita il valore di coppia a 220 Nm (-40). Nei vari abbinamenti con i molti modelli che ne prevedono l’utilizzo, la caratteristica dell’1.5 dCi che cambia, è quella della sua silenziosità. Assolutamente perfetto in alcuni casi lo è un po’ meno in altri, dove in alcuni passaggi si fa sentire più del dovuto, con vibrazioni che non diventano mai fastidiose, proprio perché si avvisano solo a regimi transitori, ma che macchiano una pagella “da secchione”.

Consumi e Costi:

A partire da 25.200 euro, ma con occhio attento agli optional

Sono ben quattro gli allestimenti previsti, si parte dal Visia, con 1.550 euro si passa all’Acenta (che include tra le altre: cerchi da 17”, fendinebbia, clima automatico, cruise control). Novità recente l’N-Connecta (ulteriori 1.450 euro) che come dice il nome arricchisce la Juke con un pacchetto legato agli aspetti tecnologici (retrocamera, sensori per fari e tergi, I-Key, ma soprattutto il NissanConnect 2.0), ma al top resta disponibile il Tekna (+1.600 euro), che diventa ancora più ricco ed include interni personalizzati e rivestimenti in pelle. La Juke con la motorizzazione da noi provata va quindi dai 19.050 euro fino a 23.690, con la N-Connecta di queste foto che si ferma a quota 22.270 euro, più optional. Era presente su questo esemplare, ad esempio, il “P4” color pack exterior da 550 euro, con finitura bianca per le calotte degli specchietti e per altri dettagli, inclusi gli inserti sui cerchi da 18” (che prendono il posto di quelli da 17). La Juke è poi disponibile con motorizzazioni benzina, a partire dai 17.150 euro del 1.6 da 94 Cv, fino alla Nismo RS da ben 218 Cv (30 mila euro tondi tondi con la trazione anteriore, 33.500 per la 4WD). Se preferite esiste una terza opzione con la Juke 1.6 GPL, da 19.050 euro. Sono 3 gli anni di garanzia inclusi nel prezzo, ma possono essere estesi fino a 5, incrementando da 100.000 a 150.000 il chilometraggio (725 euro l’opzione più larga). Per i consumi il propulsore 1.5 a gasolio del gruppo Renault non delude mai le attese, facendo segnare valori sempre notevoli. Se il dato dichiarato nel ciclo combinato è di 4 litri per 100 Km percorsi, quello rilevato durante la prova si è confermato vicino alla soglia dei 20 Km/l in autostrada e nel valore medio guidando in modo un po’ attento, ma comunque non si va mai sotto la soglia dei 15, nemmeno in città o sfruttando tutta la sua potenza

Seguici sui social

6 commenti

  • Francesco

    Buongiorno Sono un operatore del settore, avrei bisogno solo di capire se si possono fare singoli acquisti.

    In attesa di una vostra risposta certa porgo distinti saluti Auto Super Cars S.r.l.

  • Francesco

    Salve,

    Avrei anche la necessità di fare altre domande e possibile ricevere un vostro contatto telefonico.

    Dove si trova il luogo del ritiro ?

    E possibile visionare i mezzi ?

    Se le auto si trovano all’estero come funziona l’immatricolazione ?

    cosa intendi per netto di Iva ?

    il mio recapito tel. 333.1251112 francesco

    grazie Cordialità

  • Pasquale

    Mi interessa, vorrei avere altre informazioni e altre foto se è possibile.grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Clicca e Chiama